Langa

Primavera: riparte l’accoglienza da Amalia Cascina in Langa ed escono le nuove annate dei vini

Rosanna Ferraro Agriturismi, Benessere, Viaggi, Vino Lascia un commentoA-   A=   A+

La stagione primaverile porta con sé ogni anno aria di freschezza e nuove energie: si riparte!

Da Amalia Cascina in Langa a Monforte d’Alba lo slancio è doppio.

Riapre i battenti il B&B gestito dalla famiglia Boffa, con la supervisione della signora Mariangela e il marito Gigi a far da affidabile spalla; una struttura ricettiva deliziosa, luogo ideale per soggiornare, avvolti dal silenzio dei vigneti che accarezzano le dolci colline delle Langhe, coccolati fin dal mattino dalle colazioni della signora Mariangela, istigati al riposo tra i prati della Villa che si scaldano col primo sole. Ma anche spronati, data la sua posizione strategica, a partire per un bel giro nella Langa del Barolo o verso i numerosi itinerari di bellezza e di cultura, oltre che gastronomici.

Una infinità di percorsi per i quali non c’è che l’imbarazzo della scelta: una visita alla medievale Monforte, una sosta nella golosa Alba con i suoi luoghi dello shopping, e poi Grinzane Cavour, Serralunga, Barolo e Castiglione Falletto con i loro castelli, il borgo neogotico di Pollenzo, le mostre d’arte e d’antiquariato di Cherasco e gli scorci di Santo Stefano Belbo con la poesia di Cesare Pavese. Luoghi di storia e di cultura, luoghi di buon cibo e soprattutto di vino.

Nei ristoranti e nelle enoteche presto arriveranno i vini nuovi che faranno bella mostra di se insieme alle vecchie annate di Barolo gelosamente conservate, mentre nei campi riprende l’attività vitivinicola, anche se in realtà non si è mai arrestata: ma adesso si “sente” il risveglio della vigna che sta riprendendo lentamente il suo ciclo vegetativo e che, in particolare quest’anno, ha vissuto lunghi momenti di silenzio e meritato riposo sotto la neve.

La famiglia Boffa ha trovato tra le vigne di Monforte d’Alba un luogo ideale nel quale, oltre ad offrire la possibilità di condividere la ricchezza del territorio langarolo marchiato Unesco, produce Barolo e vini di Langa. Al 2003 risale l’acquisto della cascina storica che è stata rinnovata per ottenere l’attuale struttura di soggiorno e ampliata con la cantina sotterranea e funzionale per la produzione dei vini: disponibili attualmente in commercio sono il Barolo e i due cru, il Bussia e Le Coste nelle annate 2013, il Barolo 2014, la Barbera d’Alba Superiore 2015, il Langhe Nebbiolo 2016, il Dolcetto d’Alba 2016, e il Langhe Rossese Bianco 2015. Si riparte, dunque!

Visualizzazioni totali
201
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Rosanna Ferraro pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Rosanna Ferraro pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Il Parco delle Cinque Terre tra i siti partecipanti al workshop W.A.Ve., con i temi della scenografia del paesaggio agrario, come fermare l’abbandono, il turismo: risorsa o pericolo e il tema del made in Italy e produzioni locali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *