6FE8E635-0467-4354-A408-226DFBECA66A

Cinque Terre e Pantelleria, Unesco a braccetto

Luca Natale Agricoltura, Eventi, Territorio, Vino Lascia un commentoA-   A=   A+

I passiti a braccetto sui muri a secco di Pantelleria e delle Cinque Terre: riconoscimento dell’Unesco

(Manarola , 30 Novembre 2018) – A quattro anni dal riconoscimento Unesco della pratica agricola della Vite ad Alberello di Pantelleria a Patrimonio dell’Umanità e aventi dal momento in cui il territorio delle Cinque Terre è stato inserito trai luoghi Unesco, l’antica arte rurale dei muretti a secco è stata inserita nella lista degli elementi immateriali, quale espressione del più forte legame tra l’uomo e la natura.

Un risultato straordinario che premia il valore dell’uomo che ha messo in atto il proprio sapere nella costruzione del nostro paesaggio di straordinaria bellezza. – ha dichiarato SaIvatore Gabriele, presidente del Parco Nazionale Isola di Pantelleria – Nostro compito è dare continuità all’azione degli uomini, celebrando sempre lo straordinario lavoro dei nostri contadini. Grande merito va al lavoro svolto dal ministero delle risorse agricole e forestali e del turismo, nella costruzione del processo istruttorio insieme ad altri paesi europei partners“.

Sulla notizia lanciata con untwitter dalla stessa organizzazione, interviene Vincenzo Resasco, vicepresidente del Parco delle Cinque Terre . “Le pietre dei muri a secco collegano i due territori, consacrando la loro bellezza che ci porta a realizzare progetti comuni, in un confronto di esperienze che esalta l’identità di questi territori. Il Parco delle Cinque Terre, un parco fortemente antropizzato perché modellato da uomini e donne, grazie al lavoro degli agricoltori che sono vere sentinelle, famosi e conosciuti in tutti il mondo devono far tesoro del riconoscimento. Dobbiamo far si che non venga disperso il patrimonio di cultura, di manualità e intelligenza che ha creato un territorio unico al mondo. Il nostro ruolo sarà quello di portare avanti politiche che gestiranno il futuro , partendo dal passato. Altro impegno a cui dobbiamo tener fede sarà quello di dare voce e agevolare la categoria della piccola pesca con progetti che permettano la conservazione della tradizione per una pesca sostenibile“.

Il riconoscimento dei muretti a secco, patrimonio Unesco dell’Umanità, conferma l’importanza dei valori dell’agricoltura che regnano sovrani nel Parco delle Cinque Terre e di Pantelleria. Le due realtà naturalistiche nazionali si sono ritrovati nella condivisione di un percorso comune avviati da Gabriele e Resasco e che vedrà come primo passo i Passiti delle Cinque Terre e di Pantelleria andare a braccetto sui muri a secco e nei paesaggi terrazzati in occasione di dell’evento “Parchi e Passiti” che si terrà il 7 dicembre in Liguria.

Visualizzazioni totali
157
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Luca Natale pubblica qualcosa di nuovo!
( 7 Followers )
X

Segnalami quando Luca Natale pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Leukòs 2015 Dop Sicilia cantina Minardi ...... Pantelleria

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *