Sapori 2016 proclama Fivizzano la capitale del buon gusto!

Maddalena Baldini Esposizioni, Fiere, Miele, Tradizioni Lascia un commentoA-   A=   A+

Pubblico sulla Piazza Medicea di Fivizzano

Si sono spente le luci sulla 15^ edizione di Sapori di Fivizzano. Tante le novità presentate e tante le proposte per il futuro, come lo studio degli oltre 240 prodotti tipici del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Si è chiusa la 15^ edizione di Sapori, la Mostra Mercato svoltasi a Fivizzano (Ms) dedicata alle eccellenze enogastronomiche della provincia di Massa Carrara e dei territori limitrofi. Nonostante il tempo a tratti poco clemente, la rassegna ha richiamato un numero consistente di turisti, curiosi e appassionati delle bontà della tavola che hanno popolato il centro storico della cittadina lunigianese. «Ogni anno la soddisfazione è sempre tanta!» dichiara il Sindaco Paolo Grassi «Con piacere mi rendo conto che Sapori si sta trasformando, edizione dopo edizione, in un appuntamento che fa da collante tra le tradizioni, i prodotti e le persone che rendono unico il nostro territorio. Riusciamo a raggruppare molte delle eccellenze della terra che abitiamo e, ogni anno, incrementiamo la rassegna con nuove proposte».

L’edizione del 2016 ha portato anche una grande novità, ossia l’esposizione dei 64 prodotti che fanno parte del Parco dell’Appennino Tosco Emiliano, dal 2015 Riserva MaB dell’Unesco. «A Sapori stiamo festeggiando simbolicamente il primo compleanno di questo riconoscimento» ha affermato Fausto Giovannelli, Presidente del Parco dell’Appennino. «Fivizzano assume il ruolo di capitale del buon gusto, oltre a rappresentare la forte unione che intercorre tra Uomo e Biosfera, le due parole chiave che fanno capo al premio Unesco. Nulla come i prodotti in mostra a Sapori sono simbolo del rapporto che intercorre tra uomo e ambiente! Per questo motivo, a pieno titolo, diventano archetipici sociologici, modelli della storia che ha visto uno scambio reciproco tra le persone che popolano da secoli queste zone e il loro stesso territorio».

Panigacci

Molti gli appuntamenti che si sono succeduti durante le giornate di Sapori. Tra quelli più attesi gli incontri di carattere cultura come il Dibattito sul significato delle produzioni tipiche ed enogastronomiche all’interno delle Riserve della Biosfera Unesco, durante il quale Mario Giannarelli – giovane ricercatore del Parco – ha dichiarato che i prodotti del Parco catalogati sono ben 247 e il numero è destinato a crescere. Di altrettanta importanza anche la presentazione del libro di Alberto Putamorsi Ai piedi del Monte Sacro e della Guida di Equi Terme, rispettivamente dedicati ad alcuni luoghi simbolo del suolo lunigianese e alla bella località termale poco distante da Fivizzano. Allo stesso modo ha destato interesse anche la presentazione del libro Le Vie dei campi di Anna Kauber, una raccolta di esperienze dirette della felice vita dei contadini.

Non sono nemmeno mancati gli spettacoli folkloristici come quelli del Gruppo Storico di Fivizzano lungo le vie del centro in un susseguirsi di sbandieratori, musici e danze di dame. Di grande allegria anche l’esibizione della Banda Musicale Folkloristica La Campagnola con le Majorette e lo spettacolo dei Nanirossi, il gruppo di artisti di strada. A tutto ciò si è legata la musica di Radio A e il Dj Enzo B., Radio Nostalgia e il Dj Andrea Secci e le serate con i Sound and Light.

Farina di castagne della Lunigiana

Le vie de “La Firenze della Lunigiana”, così è stata soprannominata Fivizzano durante i secoli, si sono animate e riempite di tanti profumi e di una varietà incredibile di prelibatezze: panigacci, testaroli, La Marocca di Casola, le mele rotelle, il miele Dop di Lunigiana, salumi, formaggi, la pattona di Agnino, le cipolle di Treschietto, la farina di castagne, il Neccio della Garfagnana e tanti altre bontà del territorio; ovviamente non sono mancati i vini Doc e Igt dei Colli di Candia e della Val di Magra.

Miele Dop

«Io e il mio staff abbiamo deciso di non fermarci. Sono già tante le idee da sviluppare per il 2017, nate da spunti, consigli e riflessioni che abbiamo raccolto proprio durante la kermesse appena finita» chiude il Sindaco Grassi «Tutta la cittadina è attiva e partecipa con impegno alla manifestazione. In più siamo forti dell’appoggio della Pro-Loco Jacopo da Fivizzano e del suo presidente Pierluigi Cortesi Guerrieri. L’entusiasmo è tanto e vogliamo sfruttarlo al meglio per offrire sempre qualcosa di diverso ai nostri visitatori».

Visualizzazioni totali
611
Visualizzazioni odierne
1

Maddalena Baldini ha origini lunigianesi ma è stata adottata da diversi anni dal capoluogo lombardo. Dopo un percorso accademico e professionale legato alla Storia dell'Arte si lascia abbracciare dal fascino dell'enogastronomia tra vini, cantine e degustazioni. In parallelo continua il suo lavoro da giornalista con importanti testate di settore e con mensili di turismo. Dopo un lungo periodo nella redazione de Il Mio Vino, oggi è forza attiva della Trenta Editore, una casa editrice leader nelle pubblicazioni inerenti al settore Food & Beverage, segue la comunicazione della Distilleria Marzadro, scrive per Il Giorno e il magazine on-line storienogastronomiche.it. Contemporaneamente organizza eventi e Show Cooking in giro per l'Italia e si occupa della comunicazione di alcune aziende di settore.

Vedi tutti gli articoli
Segnalami quando Maddalena Baldini pubblica qualcosa di nuovo!
( 3 Followers )
X

Segnalami quando Maddalena Baldini pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  MaB Unesco per le Scuole in Lunigiana

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *