Fioranti soprano image

Il canto è passione, respiro, movimento, suono e… studio!

Ilaria Fioranti Musica Lascia un commentoA-   A=   A+

Fioranti soprano image

Per me il canto è passione, respiro, movimento, suono e… studio! Quello non deve mancare mai.

Insegnando ho sempre imparato molto su di me e l’insegnamento del canto non ha fatto eccezione.  Sono molto grata ai miei maestri per la pazienza con cui mi hanno trasmesso indicazioni fondamentali per la mia crescita come artista, riponendo in me la stessa fiducia che io poi ho cercato di trasmettere a mia volta ai miei allievi. Vedere un allievo che riesce a superare i suoi limiti è una soddisfazione enorme che si può comprendere solo da insegnante. Recentemente ho avuto modo di mettermi in gioco con ragazzi stranieri molto determinati a migliorare, nonostante le difficoltà dovute alla lingua e al background di studi assai differente da quello del belcanto. Sono molto onorata di aver avuto questa opportunità, che mi ha dato nuovi stimoli ed ulteriori incentivi a migliorare.

Lo studio del canto lirico può apparire noioso e ripetitivo ad un osservatore poco coinvolto da questa passione. Certo, vi sono esercizi che possono apparire assai ardui da ripetere con costanza. Eppure, quando, anche attraverso un vocalizzo riuscito bene, si ottiene un miglioramento, lo stimolo a proseguire è tale da far perdere la cognizione del tempo dedicato allo studio, in vista della possibilità di esprimere la propria passione attraverso un brano.

La lirica tuttavia non è solo studio del canto. Un cantante lirico è anche un attore che interpreta dei ruoli, che sottostà alle regole di una regia teatrale, che deve saper “tenere il palcoscenico” e recitare la sua parte. La tecnica vocale verrà in aiuto proprio per permettergli di esprimersi al meglio cantando “nonostante” il regista. Con questo non voglio affatto criticare le scelte di regia, solo è importante capire quanto una buona tecnica vocale possa essere d’aiuto in situazioni in cui al cantante sono richieste particolari capacità di movimento in scena. Si pensi alle scene di duello, di corsa, quelle in cui il personaggio che s’interpreta indossa abiti particolarmente scomodi nel movimento, oppure è posto su una sedia a rotelle, sdraiato su un letto o ancora su strutture semoventi e intanto deve cantare arie assai complesse.

Il cantante, come l’attore, ha la possibilità di interpretare dei ruoli in quello spazio meraviglioso che è il teatro, vivendo un’esperienza che, se vissuta consapevolmente, gli consente di esprimere emozioni anche proprie, usando il palcoscenico come una palestra emozionale, grazie alla quale potrà poi vivere con maggior consapevolezza la vita di tutti i giorni. Non a caso l’interpretazione teatrale viene usata anche come terapia e il canto è utile in molti disturbi del linguaggio.

Un’erronea credenza pone il canto lirico tra quella che viene sommariamente definita “musica colta” e sviluppa per questo motivo un rifiuto misto a terrore in molte persone. Nulla di più falso e fuorviante pensare di non potersi accostare a questo tipo di ascolto o di studio. Per cambiare idea basta provare e soprattutto, come mi disse il M° Maurice Bourbon: “Sourtout il faut chanter bien!” (Soprattutto, bisogna cantar bene! N.d.r.).

Per info sui miei corsi in Sardegna, aperti anche a stranieri: Cagliari, Iglesias.

.

Visualizzazioni totali
618
Visualizzazioni odierne
1

Sono un soprano, vocal coach, laureata in storia della musica, presidente dell'associazione "All'Opera!" La mia passione per la musica e per le altre culture mi ha spinto a vivere per un periodo a Shanghai, dove ho frequentato un master post lauream in canto tradizionale cinese e con l'occasione ho potuto anche conoscere nuovi cibi e perfezionare alcune tecniche di preparazione.
Sono appassionata di cucina naturale, in particolare ho approfondito la cucina macrobiotica e vegana per adulti e bambini. Amo creare nuovi piatti basati sullo studio delle proprietà degli alimenti e il loro aspetto. Ho una predilezione per il comfort food, il vegan food, per la cucina vegetariana, etnica, italiana e cinese.

Ho iniziato a cucinare dolci da bimba sotto la guida di mia bisnonna, che è stata anche la prima ad insegnarmi a riconoscere e ad usare alcune piante curative e ad incoraggiarmi nella mia passione per il cibo.
Con gli anni ho approfondito sempre più questi argomenti, fino a decidere di creare un sito extra, con annesso un blog.

Mi piace scrivere e il mio blog rapresenta per me la possibilità di esprimermi su più argomenti a me cari. Ad esempio mi piace andare a scovare eccellenze nel territorio in cui vivo, scoprendo storie molto gustose.

Visita il mio sito
Vedi tutti gli articoli
Segnalami quando Ilaria Fioranti pubblica qualcosa di nuovo!
( 4 Followers )
X

Segnalami quando Ilaria Fioranti pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Bel Canto al Castello per il Maggio dei Monumenti 2019 a Napoli Maschio Angioino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *