CANTINA REGIA DOGANA – OLTREVINO.IT

Michele Lacerenza Agricoltura Lascia un commentoA-   A=   A+

Credere… in un primo momeno, che il prodotto grano, olio, vino e tutto ciò che produco nel mio terreno potesse trovare momenti di piacevole condivisione desta grande gioia. Con questo spirito di pace interiore, continuo ancora oggi, a parlare di quanto c’è di meraviglioso nel produrre sani e gustosi frutti. La coltivazione della terra produce soprattutto soddisfazioni, genera emozionanti momenti, (es: la semina del grano) spesso non manca la superficialità nel definirla una pratica semplice, al contrario, un “detto” antico suggeriva chi semina bene raccoglie due volte. Nel periodo fine autunno si organizzano settimane dedicate a questa pratica agricola. Solito nelle pianure della Puglia di Capitanata, le aziende vocate alla coltivazione di grano duro, dedicano giornate interminabili alla semina. Si cura ogni fase preparatoria, del letto di semina fino alla rullatura del terreno seminato, al fine di compattare e/o accostare il terriccio al seme depositato dalle macchine seminatrici. Momenti di pause non tardano, specie quando bisogna riempire il contenitore della seminatrice. Momento in cui il trattorista coglie la migliore occasione per scambiare opinioni e commenti con i suoi collaboratori. Condividere anche pasti veloci preparati all’alba prima di partire per raggiungere la località di semina. Pranzi consumati a step, ma comunque ricchi di prelibatezze, antiche ricette dei contadini centenari. Soffritto di lardo di maiale con stufato di cime di rapa e peperoncino piccantissimo, condiviso con la pietanza del collega, una riduzione si direbbe oggi di pomodorini a grappolo conservati su filo di spago e lasciati appendere all’interno del magazzino in campagna, cotti in Olio Extravergine, aglio e peperoncino molto piccante, senza l’aggiunta di acqua e lasciati scoperchiati, Pane fatto in casa, scavato al suo interno e condito con peperoni verdi e rossi al pomodoro fresco con olio extravergine, aglio fresco. Olive dolci fritte in Olio Extravergine, taralli scaldatelli al vino o speziati consumati come snack con olive salate. Il tutto accompagnato con il vino rosso Primitivo e Nero di troia, in dolce sin fundo un caffè con la moca. Momenti di lavoro accompagnati dal supporto della ricerca e dello sviluppo. Si sperimentano semi antichi supportati dalla meccanizzazione. Es. il grano duro La Senatore Cappelli o Cappelli è una cultivar di grano duro autunnale ottenuta dal genetista Nazareno Strampelli – agli inizi del XX secolo presso il Centro di Ricerca per la Cerealicoltura di Foggia. Produzione destinata a scomparire per problemi di altezza dello stelo, il quale in caso di piogge nel mese di aprile e maggio provocano l’allettamento del grano rendendo difficoltosa la raccolta. Oggi il problema non si pone perché le nuove macchine raccolgono con estrema facilità e in qualsiasi condizione. Tutti i prodotti da forno di Oltrevino.it sono ricavati da farina Senatore Cappelli.

Alcuni prodotti menzionati:

Olio Extravergine by Apolio;

Primitivo, Nero di Troia  by Cantina Regia Dogana;

Taralli scaldatelli  by Panificio Caricone;

Peperoni, Cime di Rapa, by Le bontà del Casale.

 

Resta sempre aggiornato con il nostro Blog

Non perderti neanche un post. Iscriviti ora alla Newsletter e resta sincronizzato con i nostri contenuti.

 

Visualizzazioni totali
550
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Michele Lacerenza pubblica qualcosa di nuovo!
( 1 Followers )
X

Segnalami quando Michele Lacerenza pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  La "Mela Cola"..............la "Regina dell'Etna"

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *