Premio Joyce 2018, i vincitori

Francesca Editoria, Eventi, Libri Lascia un commentoA-   A=   A+

Il Premio Joyce 2018 si è concluso
Assegnati i titoli vincitori del Premio Joyce 2018: la giuria tecnica, in accordo con il giudizio popolare, ha confermato ciò che si palesava da tempo.

In definitiva, la prima posizione è stata guadagnata dalla super premiata Helena Janeczek. A seguire e secondo, il cantautore Mimmo Parisi, terzo Maurizio de Giovanni, quarto Nicholas Sparks e quinto, Paolo Giordano. La graduatoria è stata annunciata oggi 28 luglio 2018, nella storica sede che ospita la Redazione del sito on line Chitarre20, il quale ormai da qualche anno ha ampliato i suoi interessi diventando contenitore culturale più a largo raggio, generalista. Si sono citati i nomi degli autori, adesso si presentano le opere vincitrici che i lettori della rete, hanno mandato in finale.

Primo postoLa ragazza con la Leica. Helena Janeczek è vincitrice del prestigioso Premio Strega 2018 e del Premio Bagutta 2018. Il libro tratta della ventisettenne Gerda Taro, prima fotoreporter caduta su un campo di battaglia durante la guerra civile spagnola, nel 1937. È un romanzo multifocale costruito sulle fonti originali, e del quale la Taro è il cuore pulsante.

Secondo postoIl Figlio del drago. Il cantautore bolognese Mimmo Parisi, in una temperie politica e sociale che aspira al cambiamento, ha voluto partecipare con un’opera, ovvero una metafora applicata alle consuetudini esistenziali e pragmatici vissuti dalle persone di un piccolo centro italiano. Questo libro deve la sua fortuna,probabilmente, alla passione che l’autore nutre da sempre per la scrittura di Edgar Allan Poe e per uno stile narrativo riconoscibile.

Terzo postoIl purgatorio dell’angelo,di Maurizio de Giovanni. L’opera immette Da subito il in un ambiente primaverile. Dopo l’inverno rigido arriva maggio, ma anche i problemi: sulla spiaggia che si allunga nel mare di Posillipo viene trovato il cadavere di un anziano prete. Qualcuno lo ha barbaramente ucciso. È inspiegabile, perché padre Angelo, la vittima, era amato da tutti. Un santo, dicono. «Il bacio del commissario Ricciardi è piú forte d’un colpo di pistola».
Massimo Vincenzi, Tuttolibri

Quarto postoOgni respiro. Il libro è frutto della penna di  Nicholas Sparks. Il protagonista è disegnato dal magnetico scrittore in terra d’Africa. Si chiama Tru Walls, è fa la guida nei safari. A Sunset Beach, dove vive,riceve una lettera da un uomo che sostiene di essere suo padre. Per lui è una grande occasione: finalmente scioglierà il mistero che ha sempre circondato la sua vita. E quella della madre, perduta insieme ai suoi ricordi nell’incendio che l’ha portata via tanti anni fa.

Quinta posto. Divorare il cielo, di Paolo Giordano. L’adolescenza e il passaggioverso l’età adulta, con tutto quello che comporta il passare da una terra che si è fatto appena in tempo a conoscere, pare l’ambiente che meglio rappresenti l’ottimo scrittore italiano. A dieci anni da La solitudine dei numeri primi, Paolo Giordano raccoglie successi meritati. «Sorprende […] la capacità di dare forma a un mondo con un linguaggio così esatto. Nulla, nel romanzo, suona fuori tono: testimonianza di un’operazione di raffinamento e spoliazione, di riduzione all’essenziale.» – Davide Casati, La Lettura – Corriere della Sera

Visualizzazioni totali
217
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Francesca pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Francesca pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Il 9 settembre si conclude il Campiello

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *