CALICI SOTTO IL COL COLÀT TRA GOLOSITÀ E PIATTI DEL FRIULI

Edoardo Raspelli II Eventi, prodotti tipici, Territorio, Vino Lascia un commentoA-   A=   A+

Martedì 17 luglio dalle 19.30 all’azienda agricola Ronco Margherita di Pinzano al Tagliamento (Pordenone)

Brindisi tra cantina e vigne, con Merlot e Friulano, ad accompagnare le ghiottonerie del territorio

di ristoranti e botteghe artigianali – Ospite d’onore Edoardo Raspelli

Raspelli e staff Ronco Margherita

Grande e ghiotta festa friulana la sera di martedì 17 luglio a Pinzano al Tagliamento, in provincia di Pordenone, ma al confine con quella di Udine: un’azienda agricola familiare specializzata nei grandi vini del territorio si fa “bandiera” di questo angolo d’Italia, tra Sequals e San Daniele del Friuli, raccoglie una trentina tra ristoratori e produttori di cose buone e le allinea nel verde, in bianchi gazebi tra vigneti e cantina.

Il tutto si svolge a Ronco Margherita, da Margherita ed Alessandro Bellio, in viale XX Settembre 106 appunto a Pinzano al Tagliamento, paesino di 1.525 abitanti, 43 chilometri da Pordenone e 32 da Udine.

La serata prende il nome di “Calici sotto il Col Colàt“, dal nome del rilievo più alto del territorio, legato anche alla storia della Prima Guerra Mondiale.

L’anno scorso la seconda edizione ebbe un successo inaspettato, quest’anno il terzo evento si terrà martedì 17 a partire dalle 19.30: sarà un serata di degustazione e di assaggi  all’aperto , nel cortile della cantina e tra le vigne.

Ristoratori e produttori locali, si adopereranno per far conoscere le loro specialità: ogni piatto sarà abbinato ad una tipologia di vino e, nel corso della serata, verrà premiato il miglior Piatto Tipicità ed il  Prodotto d’Eccellenza.

La promozione del territorio quest’anno si amplia, dando vita ad un momento anche di carattere benefico, in favore di un’associazione locale a cui verrà assegnato, nel corso della serata, un “Gesto di Felicità“.

Tra i tanti assaggi: crostini con prosciutto crudo e tartufo, la storica pitina, zuppa di fieno ciccioli e pesto di radicchio di montagna, risotto con capesante, cjarson ( i classici ravioli friulani) con burro fuso, pizze gourmet, cono di calamari e gamberi, filetto di maiale cotto a bassa temperatura, fiorentine di Pezzata Rossa, frico e formaggio Montasio, gelato al Picolit… Il tutto bevendo Ribolla Gialla, Friulano, grappe  locali ricercate…Testimonial dell’iniziativa, il giornalista e “cronista della gastronomia” Edoardo Raspelli.

La serata sarà anche allietata dal DJ Set Andrea Brugnera e non è escluso che l’affianchi un singolare cantante ,un “dilettante appassionato“, lo stesso Edoardo Raspelli che già si è esibito in pubblico con canzoni di autori classici: Enzo Jannacci, Fabrizio De André, Luigi Tenco, I Gufi, Herbert Pagani, Giorgio Gaber…

IL MENU DELLA SERATA TRA PIATTI ED ASSAGGI

i ristoranti

1

Alla Casasola

Maniago

spugna di spinaci con trota salmonata ed affumicata Traminer Aromatico 2016

2

Osteria al Grappolo d’oro

Arba

zuppa di fieno, ciccioli e pesto di radicchio di montagna Tiliae 2015

3

Enoteca La Cantina

Maniago

risotto con capesante, pesto di basilico fresco e concassé di pomodoro Friulano 2017

4

Al Belvedere

Sequals

tagliolini dell’erbaio con pesto d’erbe e fiori Merlot 2016

5

Trattoria Vigna

Castelnovo

cjarsons con burro fuso, cannella e ricotta affumicata Cabernet Franc 2016

6

Pizzeria Quasi Quasi

S.Giorgio della Richinvelda

varietà di pizze gourmet

Pastello Bianco e Pastello Rosso 2017

7

Osteria Al Picchio

S.Giorgio della Richinvelda

roast beef all’inglese di toro di Pezzata Rossa – fiorentine e costate di Pezzata Rossa cotte alla brace Refosco del Peduncolo Rosso 2016 – Ovalis 2015

8

Trattoria Ai Cacciatori

Cavasso

gnocchetti di patate, con fagianella e finferli ed arrosticini di capocollo di maiale Arzino Metodo Classico 2015

9

Antica Osteria Il Favri

S.Giorgio della Richinvelda

filetto di maiale cotto a bassa temperatura in saor di cipolla rossa di Cavasso e capponata dell’orto Chardonnay 2017

10

Il Pozzo Dipinto

Valvasone

cono di calamari e gamberi in tempura

Pinot Grigio 2017

11

Officina dei Sapori Ivana e Secondo

Manazzons

millefoglie di manzo affumicato con insalatina di farro e verdure croccanti Parvus Piculit Neri 2015

20

Casa Rossa ai Colli

Ragogna

spiersolade con crema di mascarpone e mandorle Goshia Spumante Dolce

 

i produttori

12

Prosciuttificio Suavis e Tartufai

San Daniele del Friuli

crostini con prosciutto crudo Suavis dolcemente affumicato, crostini con tartufo

13

Az. Agricola La Sisile

Talmassons

formaggio Montasio biologico

14

Az. Agricola Carusone

Cavasso

giardiniera mista, polenta e frico, crostini con composte miste

15

Macelleria Bier Filippo

Meduno

pitina e prodotti della Val Tramontina

16

Salumificio Marescutti

Spilimbergo

crostini con salame punta di coltello e cotechino

17

Panificio Katia

Frisanco

buffet di pane

18

Salumificio Coletti

Forgaria nel Friuli

crostini con coppa e pancetta

19

Gelateria Scian l’Insolito Gelato

Cordenons

gelato al Picolit

Picolit 2015

21

Borgo delle Mele

Costabeorchia

succhi e cocktails

22

Distilleria Pagura

Castions di Zoppola

grappa di Ucelut e grappa di miele d’acacia

 

Bolle Ronco

Ribolla Gialla brut

Prosecco brut

Rosato extra dry

Distributore bibite e bevande Chieu

Pontaiba

acqua e…

Il costo d’entrata è di 25 euro. Per prenotare si può chiamare lo 0432 950845 oppure scrivere a info@roncomargherita.it Per ulteriori informazioni: Ronco Margherita società agricola srl , tenuta di Pinzano al Tagliamento

(Pordenone) ,via XX Settembre 106/A ,tel. e fax +39 0432 950845 info@roncomargherita.it www.roncomargherita.it

 

LA STORIA DI RONCO MARGHERITA

Nel 2015 Alessandro Bellio e Margherita iniziano una nuova avventura aziendale nel territorio di Pinzano al Tagliamento (Pordenone), acquisendo una precedente tenuta e migliorandone l’aspetto, giorno dopo giorno, con progetti sempre nuovi.

L’azienda Ronco Margherita nasce nel 2009, su una base già ricca di esperienza e con  notevoli doti di ampliamento.  I due compagni (sia nella vita sia nel lavoro) decidono che una nuova sede e la presenza di vitigni autoctoni possono ulteriormente accrescere il loro bagaglio produttivo, integrando così una nuova linea di Riserve dedicate al colle più alto del territorio, appunto Col Colàt.

Nel percorso della Grande Guerra, il colle è stato teatro di una batteria difensiva e corpo di guardia con  terrazzamenti fatti di pietra locale. E’ qui che si sono poi sviluppati vigneti con vitigni che si prestavano nel miglior modo all’esposizione al sole, bloccando il bosco incolto che stava prendendo possesso del colle.

Visualizzazioni totali
1851
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Edoardo Raspelli II pubblica qualcosa di nuovo!
( 9 Followers )
X

Segnalami quando Edoardo Raspelli II pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  CASTAGNA SUPERSTAR! Un e-book gratuito di ricette, cultura, curiosità dedicato alla castagna

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *