Denti gialli e alitosi: quali sono le cause e come porvi rimedio?

Rometta Benessere Lascia un commentoA-   A=   A+

Una scarsa igiene orale causa la proliferazione di tartaro e della placca dentale, fattori che determinano alitosi e denti gialli. Ma oltre che provocare il cattivo odore del nostro alito, impediscono di poter avere un bel sorriso luminoso.

sorrisoluminoso, dentiCome ricordato anche dal sito www.sorrisoluminoso.it, una eccellente finestra virtuale sul complesso mondo delle cure dentarie, sono molteplici le cause che possono portare ad avere denti gialli e soffrire di alitosi. Per mantenere dei denti bianchi e, di conseguenza, contare sempre su un bel sorrisoluminoso, è necessario, ad esempio, evitare un consumo eccessivo di , di caffè e di vino, come pure di fumare, visto che sono tutti fattori che possono favorire una non corretta colorazione della nostra sana dentizione.

Il sito www.sorrisoluminoso.it, inoltre, sottolinea molto correttamente, come il tabacco abbia degli effetti nocivi sulla salute e, più in particolare, sulla dentina, che può, perciò, risultare spesso ingiallita e imbrunita dalla nicotina e dal catrame. Anche delle diete inadeguate sono responsabili della alitosi. Perfino la gengivite, così come i mal di gola e il mal di stomaco, possono anche causare l’alitosi.

Tra alcuni semplici consigli per mantenere i denti sani e bianchi e, quindi, un bel sorriso luminoso, vi è il rimedio naturale offerto dal limone, perfetto anche per contrastare l’alitosi. Quindi, in conclusione, sarà sufficiente aggiungere alcune gocce di succo di limone alla dose di dentifricio quando ci si lava i denti, operazione che è suggerita essere eseguita una volta alla settimana, perché l’acidità del limone può erodere lo smalto dei denti, per poter avere un sorriso luminoso e senza alcun problema di alitosi.

Visualizzazioni totali
227
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Rometta pubblica qualcosa di nuovo!
( 1 Followers )
X

Segnalami quando Rometta pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Fu davvero così?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *