Al Salone del gusto, a Torino, l’eccellenza casearia di Beppino Occelli

Renato Girello Burro, Esposizioni, Formaggio, Latticini Lascia un commentoA-   A=   A+

BEPPINOHOME

Un’avventura iniziata nel gennaio del 1976 con una precisa missione.

Riportare sulla tavola gli antichi e genuini sapori della tradizione contadina italiana. Quella di Beppino Occelli è una personalissima storia del gusto, ricca di intuizioni, progetti e soddisfazioni, ma anche di sacrifici ed incomprensioni a causa di una mentalita’ ed uno stile di vita dovuto sia alla logica industriale sia all’impoverimento culturale della campagna e della montagna.

Tutto ha avuto inizio con il suo burro, ancor oggi un’eccellenza riconosciuta da tutti i consumatori, fatto con panna di centrifuga scremata da latte rigorosamente italiano.

I terreni dell’ azienda agricola di Beppino Occelli sono ai piedi delle Alpi Marittime, ma in piena zona montana, ad una altitudine che varia dai 600 ai 1500 metri. Una “via lattea” che nasce dalle Langhe per inoltrarsi nel cuneese sino ai pascoli di Castelmagno e della Valgrana e infine raggiungere la Valcasotto. Qui i formaggi stagionati in montagna, grazie alla cura costante dei mastri stagionatori, riposano e maturano a lungo su assi di legno che ne sviluppano il gusto e ne arricchiscono la struttura. Successivamente le forme migliori vengono trasferite in cantine piu’ piccole per l’affinatura, lunghi mesi in cui il microclima ed il contatto con 12 legni diversi favoriscono lo sviluppo di muffe che esaltano e rendono unico il sapore finale.

La passione di Beppino Occelli per le tradizioni casearie locali, abbinata alla sua grande creativita’, ha prodotto un’ ampia varieta’

di formaggi ( freschi, semistagionati, stagionati, al tartufo, erborinati e a Denominazione di origine). In totale ben 26 prodotti diversi.

Accanto alla sede storica si è aggiunto un piccolo caseificio in Langa. Qui si trova la sede ideale per studiare i piu’ famosi ”

gioielli” della collezione di Beppino Occelli. come la Tuma dla paja, premiata a New York nel 1997 come miglior formaggio dell’ anno importato negli USA.

Presente a tutte le edizioni del Salone del gusto Beppino Occelli ogni volta presenta delle novita’. Così quest’ anno ha annunciato di aver finito le sperimentazioni sul latte crudo, di capra e pecora, ma anche su quello di vacca con caglio vegetale, mentre crescono le esportazioni dei suoi prodotti nei paesi esteri e le richieste dei suoi formaggi aumentano anche da quelli, come la Russia, dove a causa dell’ embargo è difficile accontentare la domanda.

Visualizzazioni totali
201
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Renato Girello pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Renato Girello pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Grignolino Solidale a Genova, il gemellaggio tra Chef e Vigneron

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *