DOMENICA 17 FEBBRAIO SU CANALE 5 LE CARNI BOVINE NEL VERONESE

Edoardo Raspelli II Agricoltura, Allevamento, Carne, Razze bovine Lascia un commentoA-   A=   A+

Raspelli Eccellenze in Tavola VICENTINI CARNI

ORE 11.50 MELAVERDE nuova puntata, una Prima Visione: nel Veronese alla Vicentini Carni

L’Italia è uno dei maggiori produttori europei  di carne bovina ma è anche, probabilmente, il Paese con le regole più rigide per quello che riguarda i piani di controllo per la sicurezza alimentare e la tracciabilità totale delle filiere di produzione. In questa puntata di Melaverde Edoardo Raspelli parlerà di quella carne, bovina in questo caso, che troviamo ogni giorno nelle macellerie e nei supermercati italiani.  Il “cronista della gastronomia”sarà nell’azienda Vicentini , ad Engazzà di Salizzole,in provincia di Verona .Seguiremo tutto la filiera, dall’allevamento alla tavola, e lo faremo attraverso un’azienda storica del settore, nata nel secondo dopoguerra da una piccola macelleria di paese. Una azienda rimasta ancora oggi familiare, che però ha avuto la capacità di crescere e diventare  una importante realtà nazionale, che esporta la sua carne  in tutta Europa e in molti paesi extraeuropei come Emirati Arabi e Hong Kong. Ci sarà anche spazio per  tanti sapori con ricette e preparazioni a base di carne bovina  e scopriremo anche quali sono i tagli migliori da acquistare a seconda della ricetta che vogliamo preparare. In Italia i tagli più noti sono una ventina, contro i 30 in Francia e i 13 in America. In ogni regione, poi, alcuni tagli prendono nomi diversi, nonostante derivino dallo stessa parte, e ci sono poi quelli considerati di prima, seconda e terza categoria. E poi tante informazioni utili che il consumatore moderno non può non conoscere.

Visualizzazioni totali
169
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Edoardo Raspelli II pubblica qualcosa di nuovo!
( 9 Followers )
X

Segnalami quando Edoardo Raspelli II pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  BIO WEEKEND a Bibbiena (AR) 5-6 Novembre 2016

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *