Agrilevante ed Agrimach, due “piattaforme” per i mercati emergenti

Patrizia Menicucci Agricoltura, esposizione macchine agricole, Fiere, Macchine agricole, Senza categoria Lascia un commentoA-   A=   A+

Agrilevante ed Agrimach, due “piattaforme” per i mercati emergenti

Presentate a Parigi le due rassegne dedicate alla meccanica agricola che FederUnacoma organizza nel corso dell’anno. L’esposizione di Bari dovrebbe registrare un’ulteriore crescita, grazie anche all’introduzione di una sezione con i capi d’allevamento. La rassegna di New Delhi si svolge nel contesto di una crescita imponente della meccanizzazione indiana, che nel 2018 ha raggiunto la quota di 800 mila trattrici vendute sul mercato nazionale.

agrimach1

La grande rassegna di EIMA International, che si svolge a Bologna e che si è imposta come uno degli eventi “top” nel panorama mondiale delle fiere di settore, non rappresenta l’unica esposizione direttamente organizzata da FederUnacoma. La Federazione dei costruttori italiani realizza infatti – negli anni dispari – altri due eventi di rilievo, la rassegna delle tecnologie agricole per l’area del Mediterraneo Agrilevante by EIMA, e l’esposizione della meccanica agricola indiana EIMA Agrimach, entrambi concepiti sul modello della rassegna bolognese, che prevede suddivisione per settori merceologici, target professionali, carattere internazionale, contenuti innovativi. Le due rassegne – ha spiegato l’Amministratore Delegato di FederUnacoma surl Massimo Goldoni, nel corso della conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio a Parigi nell’ambito del SIMA – rappresentano casi di successo e si pongono come presidi strategici nella “geografia” della meccanica agricola. La rassegna di Agrilevante by EIMA – che FederUnacoma ha iniziato ad organizzare nel 2009 in collaborazione con l’Ente Fiera del Levante e che realizzerà dal 10 al 13 ottobre prossimo presso il quartiere fieristico di Bari la sua sesta edizione – ha raggiunto nel 2017 il numero di 330 industrie costruttrici e un totale di 70.700 visitatori da 40 Paesi. La “mission” di questa esposizione – ha sottolineato Goldoni – è quella di offrire soluzioni tecnologiche avanzate per l’agricoltura mediterranea, focalizzate non soltanto sulle produzioni tipiche dell’area (con particolare riferimento ai settori ortofrutticolo, alle filiere vitivinicole e olearie, alla produzione di grano duro, alla zootecnia) ma anche sulle caratteristiche pedoclimatiche e sui modelli di impresa agricola presenti nell’area. Le prospettive di sviluppo della rassegna barese – ha evidenziato Goldoni – sono legate alla maggiore caratterizzazione zootecnica, resa possibile anche dall’introduzione quest’anno di un’ampia mostra di animali d’allevamento, e più in generale alla crescita delle economie agricole dell’area. In ambito europeo, Paesi come la Spagna, il Portogallo e la Grecia mostrano negli ultimi anni una certa ripresa del mercato, mentre nell’area nordafricana prospettive positive sembrano avere Paesi  come l’Egitto,  il Marocco e la Tunisia, dove risultano in crescita i terreni irrigati e dove è possibile prevedere   un incremento della domanda di macchinario. L’esposizione di Bari può servire come riferimento anche per quelle nazioni dell’Africa Sub-sahariana che mostrano indicatori economici positivi – vedi tra le altre Tanzania, Etiopia e Zambia – e che possono esprimere fabbisogni crescenti di tecnologie per l’agricoltura. Presentando EIMA Agrimach – la rassegna che FederUnacoma organizza a New Delhi in collaborazione con la Federazione delle Camere di Commercio e dell’Industria Indiana FICCI, e che darà luogo dal 5 al 7 dicembre prossimo alla sua sesta edizione biennale – Massimo Goldoni ha sottolineato il successo di questo evento che nell’edizione 2017 ha raggiunto i 435 espositori e un totale di 42 mila visitatori dei quali 6 mila esteri provenienti da 40 Paesi. Per le industrie della meccanica agricola – ha concluso Goldoni – l’evento di New Delhi costituisce lo strumento per agganciare un mercato, quello indiano, che si è imposto nell’ultimo decennio come quello nettamente più prolifico a livello mondiale. I dati sul mercato nazionale – forniti da Agrievolution – evidenziano come il Paese asiatico sia passato da 390 mila trattrici vendute sul territorio nazionale nel 2008 a 660 mila nel 2017, segnando nel decennio un incremento di circa il 70%. Le stime fornite dall’associazione dei costruttori indiana TMA (Tractor Manufacturers Association) indicano un ulteriore balzo nel 2018, che dovrebbe aver registrato una crescita del 20% rispetto all’anno precedente portando il totale delle trattrici alla quota record di quasi 800 mila.

Parigi, 25 febbraio 2019

Visualizzazioni totali
44
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Patrizia Menicucci pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Patrizia Menicucci pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  Sonnino ha il suo nuovo Principe dell’Olio 2017

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *