Al via ad Acqui Terme la XIV Biennale Internazionale per l’Incisione

Mariella Piscopo Esposizioni, Eventi Lascia un commentoA-   A=   A+

Un’occasione da segnare sull’agenda di tutti gli appassionati d’arte è la Biennale Internazionale per l’Incisione 2019 di Acqui Terme, in calendario dal 15 giugno al 3 luglio. Sintesi perfetta di arte e benessere il borgo piemontese in provincia di Alessandria è la capitale mondiale dell’arte incisoria contemporanea, ma è anche una località nota già in epoca romana per le terme, incastonata tra i vigneti dell’Alto Monferrato Patrimonio UNESCO dal 2014. Giunta alla XIV edizione la Biennale, organizzata dall’omonima Associazione e patrocinata da Rotary Club Acqui Terme, Regione Piemonte e Comune di Acqui Terme, è un evento imperdibile per conoscere la produzione attuale della grafica mondiale nelle diverse forme tradizionali e sperimentali. Molti artisti italiani e internazionali, alcuni maestri affermati e altri giovani talenti, hanno partecipato con opere originali a questo momento fondamentale di confronto globale. Tante voci, diversi linguaggi e tecniche: puntasecca, acquaforte, acquatinta, silografia, bulino, vernice molle. In 28 anni si parla di quasi 3500 artisti provenienti dai cinque continenti, in rappresentanza di 67 nazioni: una collezione unica quella ospitata all’interno del Museo dell’Incisione.

Il 15 giugno prenderà il via l’edizione 2019 in tre luoghi suggestivi: nella splendida Villa Ottolenghi Wedekind, capolavoro firmato dall’architetto Marcello Piacentini e dal paesaggista Pietro Porcinai, attualmente di proprietà dell’imprenditore Vittorio Invernizzi; en plein air nella città di Acqui Terme lungo i portici di via XX Settembre e nel Camminamento del Castello dei Paleologi, che ospita il Museo dell’Incisione.

Alle ore 17 del 15 giugno si svolgerà, nella Villa Ottolenghi Wedekind, la cerimonia di apertura con la lectio magistralisVale ciò che piace? 28 anni di Biennali”, del Prof. Paolo Bellini, per molti anni Docente di Storia dell’Incisione all’Università Cattolica di Milano e dal 1990 direttore della rivista “Grafica d’Arte” e la premiazione dei vincitori del Premio Acqui 2019: tre dei 13 finalisti, scelti dalla giuria popolare tra Federico Tosi, Malgorzata Chomicz, Maria Gabriela Guzman, Rita Demattio, Mauro Curlante, Ruben Gimenez, Joanna Paljocha, Angelo Rizzelli, Ugo Grazzini, Davide Schileo, Daniela Cataldi, Alexander Todorov e Irina Gonzales, saliranno sul palco per ricevere il Premio Acqui, Il Premio Acqui Giovani e il Premio Consorzio Brachetto d’Acqui. Il 15 giugno, inoltre, nella Sala delle Pietre dell’articolato complesso di Monterosso ci sarà l’inaugurazione dell’Esposizione Permanente delle Opere premiate dalla Biennale 1991-2019. Invece saranno esposte en plein air in città, lungo i portici di via XX settembre, le opere grafiche selezionate per la XIV edizione e sarà possibile ammirarle dal 15 giugno al 3 luglio. Sono state valutate a novembre da una giuria composta da professionisti di fama internazionale specializzati nella grafica, nel design e nell’artigianato, come l’architetto e designer  Matteo Ragni; l’artista polacca Alina Kalczyńska-Scheiwiller molto apprezzata per i suoi straordinari libri d’artista; l’intellettuale e maestro di grafica Glauco Lendaro Camiless, che ha collaborato con Michelangelo Antonioni e Pier Paolo Pasolini, l’architetto progettista Eleonora Odorizzi, creatrice di Italian Stories e Andrea De Simeis, maestro cartaio e incisore già vincitore nel 2011 del Premio Acqui Giovani, a cui l’Associazione ha affidato il coordinamento artistico della Biennale 2019. Infine un’antologica delle opere grafiche, che hanno partecipato alle varie edizioni della Biennale dal 1991 a oggi, sarà possibile ammirarla nel Camminamento del Castello dei Paleologi. “Questa edizione sarà solo un’anticipazione di quello che avverrà nei prossimi anni e cioè nuovi sviluppi della disciplina calcografica; un’apertura all’universo dell’artigianato, del design e delle arti applicate; ma soprattutto l’occasione per far vivere al turista un’autentica esperienza con il territorio, che partendo dall’arte incisoria coinvolga paesaggio, enogastronomia, artigianato e benessere” sostiene Andrea De Simeis.

PREMIO ACQUI 2019

XIV Biennale Internazionale per l’Incisione

Acqui Terme (AL), 15 giugno – 3 luglio 2019
Inaugurazione sabato 15 giugno, ore 17.00

Villa Ottolenghi Wedekind

Str. Monterosso 42, Acqui Terme (AL)

  • Presentazione della XIV Biennale Internazionale per l’Incisione
  • Cerimonia con proclamazione del vincitore del Premio Acqui 2019, del Premio Acqui Giovani 2019 e del Premio Consorzio Brachetto d’Acqui 2019, tra i 13 finalisti selezionati dalla Giuria di esperti a novembre 2018 e votati dalla giuria popolare a gennaio scorso
  • Lectio magistralis del Prof. Paolo Bellini “Vale ciò che piace? 28 anni di Biennali
  • Inaugurazione dell’esposizione permanente, nella Sala delle Pietre della Villa Ottolenghi Wedekind, delle opere premiate dalla Biennale 1991-2019

Portici di via XX Settembre

Esposizione en plein air di opere grafiche selezionate della XIV edizione della Biennale Internazionale per l’Incisione.

Camminamento del Castello dei Paleologi

Nel Museo dell’Incisione un’antologica delle opere grafiche, che hanno partecipato alle varie edizioni della Biennale dal 1991 a oggi

Organizzazione e produzione: Associazione Biennale Internazionale per l’Incisione con il patrocinio del Rotary Club Acqui Terme, Regione Piemonte e Comune di Acqui Terme

Coordinamento Artistico: Andrea De Simeis, maestro cartaio e incisore già vincitore nel 2011 del Premio Acqui Giovani

Biennale Internazionale per l’Incisione di Acqui Terme: una storia lunga 28 anni che dalla prima edizione a oggi, grazie al Premio Acqui Terme, ha accolto nella cittadina in provincia di Alessandria, circa 3.500 artisti provenienti da cinque continenti, in rappresentanza di 67 nazioni e ha costituito una collezione unica di opere incisorie. Nata nel 1991 all’interno del Rotary Club locale, dalla passione del Presidente Giuseppe Avignolo per la grafica d’arte e dalla voglia di far conoscere il Monferrato nel mondo; avviata dal 1993 con l’appoggio del noto critico d’arte torinese Angelo Dragone e diventata internazionale dal 2003, grazie al supporto di sponsor che hanno creduto nel progetto, è giunta nel 2019 a un momento cruciale. Il Presidente Avignolo ha già messo in atto trasformazioni importanti e chiamato all’appello un gruppo di lavoro competente e appassionato, in grado di dare nuova linfa vitale alla manifestazione. www.acquiprint.it

Villa_Ottolenghi_Wedekind_Monferrato_low

Visualizzazioni totali
87
Visualizzazioni odierne
2
Segnalami quando Mariella Piscopo pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Mariella Piscopo pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  A Mezzano di Primiero il Festival Internazionale Mezzano Romantica si arricchisce di nuovi appuntamenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *