DCC9644B-FCCC-4E54-831E-B8C7CC55C507

Urgente un programma per mettere in sicurezza le strade che attraversano i Parchi Nazionali e le altre aree naturali protette

Luca Natale Allevamento, Territorio Lascia un commentoA-   A=   A+

ANIMALI, WWF: MUORE INVESTITA LA LUPA NEL PARCO DEI MONTI SIBILLINI CON RADIOCOLLARE SATELLITARE DONATO DAL WWF PER IL MONITORAGGIO

 

 

 

Ancora un lupo investito da un’auto in un Parco Nazionale: questa volta la vittima della velocità e di una strada insicura all’interno di un’area protetta è stata la lupa di nome Magica, già monitorata dal personale dell’Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini grazie ad un radiocollare satellitare donato dal WWF Italia.C4670B31-27EB-4179-9219-C8A226CFD60B

La lupa è deceduta il 12 luglio scorso dopo essere stata investita da un’auto alle porte di Visso, nel versante marchigiano del Parco. Già altro esemplare dotato di radiocollare era stato ucciso da un bracconiere. Gli investimenti stradali, insieme al bracconaggio con lacci e bocconi avvelenati, sono le prime cause di mortalità di lupi nel nostro paese: sono circa 300 ogni anno gli animali uccisi per queste cause, la cui responsabilità, colpevole o involontaria, è sempre dell’uomo. Gli investimenti stradali di fauna selvatica sono sempre più frequenti e il rischio aumenta nelle strade all’interno dei Parchi e Riserve naturali, aree istituite per assicurare la tutela della nostra biodiversità. Sono in media 15.000 gli animali selvatici investiti ogni anno in tutto il Paese (soprattutto mammiferi e uccelli) e si tratta probabilmente di una sottostima, in quanto molti animali non vengono rinvenuti o segnalati. Estrapolando dati di alcune province a livello nazionale, si stima poi che le auto danneggiate a causa degli impatti con animali selvatici in Italia siano superiori alle 10mila ogni anno.

Incidenti come questo possono mettere in pericolo anche la vita di automobilisti e motociclisti. Le cause degli investimenti stradali di fauna selvatica sono riconducibili essenzialmente alla velocità delle auto e all’assenza di sistemi di allerta e dissuasione dell’attraversamento delle strade.

“Esistono oggi particolari dissuasori ottici ed acustici che potrebbero ridurre molto il rischio di collisione con la fauna selvatica, segnalando l’eventuale pericolo sia gli automobilisti che agli stessi animali, e consentendo alle Regioni di risparmiare milioni di euro per gli indennizzi relativi agli incidenti stradali provocati dalla fauna selvatica- spiega il responsabile specie e habitat del WWF Italia, Marco Galaverni-.  Grazie al ricavato del progetto SMS “SOS Lupo”, il WWF Italia ha messo in sicurezza decine di chilometri di strade a rischio, dal Piemonte al Molise, ma c’è ancora molto da fare per mettere a tutela tantissime altre aree.

È urgente un programma nazionale per mettere in sicurezza le strade all’interno dei nostri Parchi Nazionali per prevenire questi incidenti. Per questo l’Associazione si rivolge al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, e al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, sollecitando un accordo tra i due Ministeri per mettere in tempi brevi in sicurezza tutte le strade che attraversano i Parchi Nazionali italiani, particolarmente a rischio incidenti. La competenza della gestione delle strade è dell’ANAS e delle Provincie che fino ad oggi per carenza di fondi hanno gestito il problema limitandosi a qualche segnaletica stradale con limiti di velocità teorici. Per il WWF è necessario utilizzare le migliori attrezzature e tecniche oggi disponibili per una più efficace prevenzione, come i dissuasori ottici e acustici, da collocare con priorità almeno nelle aree naturali protette dove maggiore è la presenza di fauna selvatica, e prevedendo al contempo adeguati sovrappassi per la fauna, già realizzati regolarmente in molti Paese europei.

Visualizzazioni totali
102
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Luca Natale pubblica qualcosa di nuovo!
( 8 Followers )
X

Segnalami quando Luca Natale pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  L'Elicicoltura attenta all'ambiente

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *