ALE_7513_AV-M

Cheese 2019: a Bra dal 20 al 23 settembre 2019

Marisa Quaglia Eventi, Formaggio, Latte, Latticini Lascia un commentoA-   A=   A+

Dire “Cheese” è dire Bra. Dal 20 al 23 settembre 2019 nella Città della Zizzola (Cuneo) torna la manifestazione internazionale dedicata ai formaggi a latte crudo e ai latticini organizzata da Slow Food in collaborazione con il Comune. TAD4_1760_AV-Mante battaglie sono state portate avanti nelle venti edizioni della kermesse. Quest’anno si fa un ulteriore passo in avanti puntando sul tema “Naturale è possibile” e accendendo i riflettori su quella biodiversità invisibile fatta di batteri, enzimi, lieviti. E arriva anche la nuova area dedicata ai produttori fermier: piccole aziende agricole che trasformano il latte dei propri animali, praticano prevalentemente il pascolo e producono formaggi senza fermenti selezionati o con fermenti autoprodotti. E’ una delle novità della grande piazza di Cheese. Ma non è l’unica. Per l’edizione 2019 ci sono anche due appuntamenti di formazione sulle tecniche di produzione dei formaggi naturali e dei fermenti autoprodotti. Pur mantenendo la sua vocazione originaria, Cheese quest’anno apre una finestra sulle produzioni eccellenti di salumi senza nitriti e nitrati e di pani a lievitazione naturale. Ma non finisce qua parlando di novità: debutta la Fucina Piazza Pane e Pasticceria, spazio didattico sulle connessioni tra lievitazioni e latticini.

Passando agli spazi che sono ormai una tradizione, tornano i Laboratori del Gusto per chi vuole scoprire formaggi sconosciuti e lasciarsi guidare in abbinamenti davvero inusuali. Sono ben 27 le occasioni per viaggiare in Italia e nel mondo, ascoltare storie di casari e pastori, scoprire interessanti accostamenti, stupire il palato. Le regioni italiane mettono in mostra il meglio di sè in un tour davvero gustoso che tocca tutto lo Stivale. Si parte dalla piemontese Valle Varaita per arrivare in Sardegna, non tralasciando le campagne laziali.  Ci sono poi i Laboratori dedicati alle forme dolci del latte; la ricotta a latte ovino è protagonista di un appuntamento dedicato ai grandi classici della pasticceria siciliana, ma da scoprire c’è anche il gelato del recupero e bufale e cioccolato. Imperdibili i laboratori nella banca del Vino di Pollenzo che puntano i riflettori sugli abbinamenti con i grandi vini del territorio: Parmigiano e Barbaresco? Formaggi d’alpeggio e Amarone? Un mondo da scoprire. Il viaggio non si ferma in Italia ma valica i confini per arrivare in terra di Francia, di Spagna, Paesi Bassi, Slovacchia, Irlanda, Australia, Canada.

Tra gli appuntamenti presi d’assalto ci sono quelli a Tavola organizzate nella bellissima e suggestiva cornice di Pollenzo, Protagonisti non sono solo i grandi chef ma anche ex studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche. Ritorno al futuro: da studenti a chef chiocciolati è uno degli appuntamenti a tavola. Ci sono poi le Tavole Accademiche che propongono “La capra: dalla carne al formaggio” e lo chef Eugenio Boer che propone “Tradizione è innovazione: le forme del latte e della pasta”.

Uno dei luoghi presi d’assalto ad ogni edizione è senza dubbio il Mercato italiano e internazionale. In piazza Carlo Albero, piazza Roma e via Audisio si troveranno formaggi di ogni tipo, forma, dimensione, a pasta molle, dura, filata, pressata, ma anche mieli, mostarde, confetture. Non manca la Via degli Affinatori e via Principi di Piemonte ospita come sempre i Presidi Slow Food dell’Italia e dell’estero, simbolo dell’impegno di Slow Food a tutela delle produzioni locali tradizionali che racchiudo storia, sapori, tradizioni da proteggere con orgoglio.

Nella bella cornice di corso Garibaldi, sulla Rocca, si trova la Gran sala dei Formaggi: oltre 100 caci provenienti da Francia, Spagna, Portogallo, Regno Unito e Irlanda da abbinare alle 600 etichette dell’Enoteca.

Ma Cheese è ancora tanto altro: è l’atmosfera che si respira, è l’affascinante storia di casari “resistenti”, è il mondo che si riversa in città e che coinvolge tutti, grandi e piccini, è spunto di riflessione sul cibo ma anche sulle politiche del lavoro, è lotta per affermare la filosofia del buono, giusto, pulito. Bra, la città natale di Slow Food, a settembre parla tutte le lingue del mondo e diventa incontro di culture, di saperi, di sapori.

Programma completo di Cheese 2019 su www.slowfood.it.

AD4_1781_AV-M ALE_7513_AV-M ALE_7553_AV-M P1X_7319_PP-M AD4_1781_AV-M varie_FC-12-M

 

Visualizzazioni totali
94
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Marisa Quaglia pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Marisa Quaglia pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  LE CUMARINE SALVACUORE DEL LAMBRUSCO E IL PARADOSSO EMILIANO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *