66780509_10205735550144802_6163867738704969728_n

Pecorino di Farindola

Marcello Procaccini Alpeggi, Ambiente, Formaggio, prodotti tipici Lascia un commentoA-   A=   A+

66780509_10205735550144802_6163867738704969728_n

La strada che ci accompagna verso la nostra meta nel Parco Nazionale del Gran Sasso è stretta e tortuosa e si inerpica su per la montagna verso le pendici del Gran Sasso. Incontriamo poche macchine lungo la via, e la solitudine è la nostra unica compagna di viaggio, ma andiamo dritti verso la meta coscienti che il premio finale varrà tutti gli sforzi fatti. Dopo circa un ora e mezza arriviamo a Farindola, che si presenta ai nostri occhi ridente ed affollata. Tristemente alla ribalta della cronaca per gli eventi legati a Rigopiano  la cittadina Abruzzese è però famosa nel mondo per la produzione di un pecorino unico al mondo. Il Pecorino di Farindola è infatti l’unico pecorino al mondo prodotto con caglio di suino che gli conferisce un profumo ed un sapore unici ed inimitabili. La storia di questo pecorino è molto particolare e già nell’antica Roma si parlava di questo prodotto la cui ricetta veniva tramandata di donna in donna nell’ambito di alcune famiglie che erano le uniche detentrici della ricetta originale.

66781596_10205736765295180_7805268977831116800_n

Oggi la produzione avviene nel comparto orientale del Gran Sasso delimitato da nove comuni, Montebello di Bertona, Arsita,Bisenti,Penne,Villa Celiera, Civitella Casanova, Castelli, Carpineto Nora.  Questi nove comuni si sono accorpati in un Consorzio mirante proprio alla tutela del prodotto, garantendone la produzione come da antica ricetta. Il latte viene munto a mano da pecore di razza Pagliarola Appenninica libere di pascolare lungo i pendii del Gran Sasso quasi allo stato brado. Dato che la produzione di latte di questa particolare razza di pecore è limitata a pochi litri l’anno, ne consegue che anche la produzione del pecorino stesso è limitata. Il prodotto viene messo a stagionare in madie per un periodo che va dai 70 giorni ad un anno, preoccupandosi di ungerlo con un preparato di olio ed aceto. Prendiamo soddisfatti le nostre caciotte da 1,5kg l’una e torniamo verso casa, contenti per aver visto luoghi unici e provato prodotti eccezionali.

Visualizzazioni totali
59
Visualizzazioni odierne
1
Segnalami quando Marcello Procaccini pubblica qualcosa di nuovo!
( Followers )
X

Segnalami quando Marcello Procaccini pubblica qualcosa di nuovo!

La tua email:
Articolo correlato:  BOBBIO (PIACENZA) CI PRENDE PER LA GOLA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *